• +228 872 4444
Ti trovi qui:La Pratica Yoga»I vari percorsi per arrivare in Virabadrasana II

I vari percorsi per arrivare in Virabadrasana II

Written by Fulvio Nanni

Ogni volta che inizia il dialogo con il nostro corpo, osserviamo che le risposte non sono sempre le stesse.

Mentre ci apprestiamo alla nostra pratica quotidiana ci accorgiamo che il nostro sentire ogni giorno è diverso, perché la nostra vita si è arricchita di altri momenti che hanno modificato in parte la nostra struttura interna.

Allora ecco che il nostro percorso verso l’immergersi in ogni Asana può variare, andando ad arricchire la nostra sensibilità e la nostra percezione.

Mentre si va a cercare la tonicità e l’espansione di VIRABADRASANA II (foto 1), ci si potrebbe accorgere che alcune parti interessate all’esecuzione non rispondono con la stessa stabilità o elasticità della volta precedente.

01
foto 1

Per aiutarsi ad annullare questa memoria, che vorrebbe indirizzarci nella dimensione dei momenti di pratica già vissuta, si può provare a risvegliare il corpo con una percorso che attraverso altre Asana permette di arrivare all’esecuzione di VIRABADRASANA II, senza incontrare direttamente quegli ostacoli fisici e psichici che in quel momento sono presenti.

In una preparazione diretta di questa asana, ad esempio si parte divaricando le gambe e con la rotazione adeguata dei piedi si scende da una parte o dall’altra con la gamba corrispondente che si piega.

A questo punto si dovrà fare i conti con muscoli quali: Tensore fascia lata, sartorio, Retto femorale e il Pettineo per la gamba flessa, dal Grande Gluteo fino al tendine del polpaccio per quella posteriore, con un naturale antagonismo che internamente si dovrà gestire con lo Psoas.

Per scavalcare questi “ostacoli” che il corpo ci pone davanti , si prova a partire da Adho Mukha (foto 2) passando in Trikonasana (foto 3) e sollevandosi in Virabadrasana II (foto4). Si arriva così nella posizione, e pur ritrovando l’azione sugli stessi muscoli, si usufruisce della cooperazione delle parti del corpo usate nelle 2 posizioni precedenti, e la percezione dell’asana cambierà.


foto 2
03
foto 3
04
foto 4

L’arrivare da Trikonasana, dopo una estensione liberatoria degli Ischiocrurali e dei fianchi, darà la possibilità alle Creste Iliache di allinearsi in modo spontaneo, non appena sarà attivato l’equlilibrio tra la spinta dei piedi e il movimento rotatorio all’interno delle Anche.

In questo proiettarsi in posizione perpendicolare con il tronco si userà l’inspirazione, mentre si darà all’espirazione l’incarico di assestare l’appoggio del tronco sulle anche.

L’utilizzo corretto degli archi plantari (interno ed esterno) darà equilibrio tra sartorio e tensore della fascia lata, permettendo al retto femorale di gestire al meglio l’allineamento tra il ginocchio e l’anca della gamba flessa.

In ogni passaggio precedente si risvegliano quelle parti del corpo che daranno alla posizione prescelta una nuova dimensione interna.

Dimensione che annullerà gradualmente le resistenze e alimenterà le parti deboli con nuova linfa, prodotta dalle asana precedenti. In questa prima sequenza siamo arrivati a VIRABADRASANA II dal basso verso l’alto, cioè e su, contrastando la forza di gravità con l’inspirazione.

Ora vediamo come arrivare alla posizione, con la stessa sequenza, ma passando dall’alto.

Dopo il passaggio da Adho Mukha a Trikonasana si risale a gambe tese, portando le braccia perpendicolari verso l’alto (foto5); da qui si inizia la “discesa” verso Virabadrasana (foto6), controllando l’allineamento delle creste iliache e mantenendo le scapole allineate come se fossero appoggiate ad un muro, ma soprattutto cercando la sensazione di estensione in tutte le direzioni.

05
foto 5
04
foto 6

Ecco che di nuovo la forza di gravità mi darà una diversa consapevolezza della posizione che risulterà più espansa e libera. Consiglio di ripetere alcune volte le sequenze, per migliorare la fluidità e lasciare che il corpo trovi il modo più spontaneo per arrivare a far affiorare in superficie la sua consapevolezza interna.

Fulvio Nanni
Fulvio Nanni
Advanced Teacher
Associazione Culturale ATMAN Forlì
Last modified on %AM, %13 %441 %2015 %09:%Nov

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Prossimi Eventi

Sabato 25 Novembre 2017
Asana e Medicina Biologica Emozionale con Cesare Moretti e Fulvio Nanni
Cesare: +39 347 7680055 | Fulvio: +39 348 7968605
Sabato 20 Gennaio 2018
Stage con il M°Renato Turla a Palazzolo
M° Renato Turla 030731221; +393484996470
Sabato 24 Febbraio 2018
Stage con il M°Renato Turla a Rivoltella del Garda (BS)
+39 334 581 5787
Sabato 17 Marzo 2018
Stage con il M°Renato Turla a Rivoltella del Garda (BS)
+39 334 581 5787
Sabato 14 Aprile 2018
Stage a Calino (BS) con il Maestro Renato Turla
Renato Turla: 030 731221
Lunedì 25 Giugno 2018
Stage residenziale a Cipro 2018 con il Maestro Renato Turla
Renato Turla: 030 731221 | +39 348 499 6470

Conversione Diplomi

conversioneBox

Ultimi Articoli

Prossimi Eventi

Sabato 25 Novembre 2017
Asana e Medicina Biologica Emozionale con Cesare Moretti e Fulvio Nanni
Cesare: +39 347 7680055 | Fulvio: +39 348 7968605
Sabato 20 Gennaio 2018
Stage con il M°Renato Turla a Palazzolo
M° Renato Turla 030731221; +393484996470
Sabato 24 Febbraio 2018
Stage con il M°Renato Turla a Rivoltella del Garda (BS)
+39 334 581 5787
Sabato 17 Marzo 2018
Stage con il M°Renato Turla a Rivoltella del Garda (BS)
+39 334 581 5787
Sabato 14 Aprile 2018
Stage a Calino (BS) con il Maestro Renato Turla
Renato Turla: 030 731221
Lunedì 25 Giugno 2018
Stage residenziale a Cipro 2018 con il Maestro Renato Turla
Renato Turla: 030 731221 | +39 348 499 6470
Newsletters
Ricevi nella tua mail tutti gli aggiornamenti dell'associazione Jyotim

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.