• +228 872 4444
Ti trovi qui:La Pratica Yoga»L’importanza del contatto nel lavoro di coppia nello yoga

L’importanza del contatto nel lavoro di coppia nello yoga

Written by Gabriella Amaducci

Sin dalle origini del mio interesse verso la pratica yoga ho, in parallelo, studiato ed applicato lo shiatsu.

Entrambe le discipline possono compenetrarsi e alcuni dei principi dello shiatsu sono utili da considerare quando collaboriamo con un compagno in una migliore esecuzione tecnica di un’asana.

In questo caso è importante essere rilassati, respirare centrati in HARA e avere la giusta distanza psicologica dall’atto di aiutare, ossia avere una buona postura per sé e non invadere eccessivamente lo spazio del compagno.

La mano, quando si appoggia, è morbida e avvolgente attuando così un contatto che da sostegno a livello psichico e crea un punto di unione a cui affidarsi. E’ molto importante il punto in cui si appoggia perché il tocco in un punto preciso permette meglio la trasformazione del corpo di chi esegue l’asana, evitando tocchi imprecisi che creano una dispersione dell’informazione tattile che vogliamo dare. Offrendo una partecipazione fatta di attenzioni mirate si crea la miglior condizione di dialogo che non è verbale ma piuttosto nel silenzio che permette di ascoltare il sottile linguaggio del corpo e delle emozioni.

Sulla base di ciò vediamo una applicazione nell’aiuto a sistemare il corpo di un compagno per l’esecuzione di SAVASANA.

 

01

1. AIUTO SULLE SCAPOLE

Afferrare la punta inferiore della scapola, tirarla verso il basso in modo che entri di più in contatto con il costato e permetta all'articolazione della spalla di aprirsi

 

02

2. ALLUNGARE LE BRACCIA

Sollevare il braccio di circa 5 cm da terra, prendere il polso, tirare delicatamente verso di sé il braccio, creando così spazio all'interno dell'articolazione della spalla.

Accompagnare a terra il braccio continuando una delicata trazione verso di sé

 

03

3. ALLUNGARE LE GAMBE

Sollevare la gamba sostenendola dal tallone; tirare il tallone estendendo la zona del tendine di Achille; esercitare sulla gamba una trazione verso di sé.

Eventualmente ripetere più di una volta

 

04

4. ALLUNGARE IL COLLO

Afferrare la nuca e sostenere la testa con mano avvolgente; sollevarla leggermente da terra e agire una trazione a sé;

4.1.

Con la mano sinistra sorreggere tutte le vertebre cervicali e il collo, con la destra tirare delicatamente il capo verso di sé

4.2

Ripetere invertendo le mani

 

Last modified on %AM, %13 %438 %2015 %09:%Nov

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Prossimi Eventi

Venerdì 13 Ottobre 2017
Stage Intensivo a Calino (BS) con il Maestro Renato Turla
Renato Turla: 030 731221

Conversione Diplomi

conversioneBox

Ultimi Articoli

Prossimi Eventi

Venerdì 13 Ottobre 2017
Stage Intensivo a Calino (BS) con il Maestro Renato Turla
Renato Turla: 030 731221
Newsletters
Ricevi nella tua mail tutti gli aggiornamenti dell'associazione Jyotim

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.